english version ENGLISH | version française FRANÇAIS
Logo della Camera di commercio di Bergamo

Inaspriti i divieti europei verso l'Iran

Fri Feb 10 16:52:00 CET 2012 | Rif.: news-ESN_0007

Lo scorso 23 gennaio l'Unione Europea ha approvato nuove misure sanzionatorie nei confronti dell'Iran con i regolamenti 54/2012 (pdf) e 56/2012 (pdf) e la Decisione 2012/35/PESC (pdf) , che apportano modifiche alle norme restrittive già in vigore dal 2010. Tali sanzioni, che rappresentano le misure più severe sinora adottate dall'UE nei confronti di un Paese terzo, prevedono alcune restrizioni immediatamente esecutive e altre che necessitano di un regolamento di esecuzione che sarà successivamente emanato.

In particolare, sono immediatamente operative le restrizioni in campo finanziario verso la Banca Centrale Iraniana e verso Banca Tejarat (cfr. Regolamenti UE n. 54-2012 e n. 56-2012). I pagamenti da e verso la Banca Centrale dell'Iran sono infatti ora soggetti ad autorizzazione caso per caso dell' Autorità competente dello Stato membro (per l'Italia il Comitato Sicurezza Finanziaria). L'operatività di Banca Tejarat è invece consentita soltanto per il periodo transitorio di due mesi dalla data di designazione (23-1-2012), sempre previa autorizzazione caso per caso del CSF. Inoltre, in tutti i casi non sono autorizzabili i soggetti individuati negli Allegati VII e VIII al Reg.UE 961/2010.

Sono poi previste restrizioni in campo merceologico, per le quali sarà comunque necessario attendere l'emanazione del regolamento. In sintesi:

  • divieto di importazione di greggio e prodotti petroliferi iraniani;
  • divieto di importazione di prodotti petrolchimici iraniani;
  • divieto di esportazione di attrezzature e tecnologie fondamentali per l'industria petrolchimica;
  • divieto di investimenti nell' industria petrolchimica iraniana.

È comunque fatta salva l'esecuzione dei contratti conclusi antecedentemente al 23 gennaio 2012. Sono inoltre previsti l'ampliamento dei prodotti dual use vietati (in particolare nel settore delle telecomunicazioni) e il divieto di vendita/acquisto di oro, diamanti e metalli preziosi verso/da Enti pubblici Iraniani.

Per eventuali chiarimenti, è possibile contattare lo Sportello LombardiaPoint camerale (ref. Silvia Ceraolo, email lombardiapoint.bergamo@bg.camcom.it).

Iscrizione newsletter

Vuoi ricevere le comunicazioni o gli ultimi aggiornamenti per email? Iscriviti alle nostre newsletter.

Iscrizione