english version ENGLISH | version française FRANÇAIS
Logo della Camera di commercio di Bergamo

“Giovani consumatori nel web”: al via la campagna web 2.0 promossa dal Ministero dello sviluppo economico e da Unioncamere

Thu Mar 22 11:55:00 CET 2012 | Rif.: news-COS_0032

La Camera di Commercio di Bergamo informa che Unioncamere e il Ministero dello Sviluppo Economico promuovono il progetto “Giovani consumatori nel web” finalizzato a rendere i ragazzi - ma anche gli adulti - maggiormente consapevoli dei rischi in cui possono incorrere quando acquistano online beni e servizi e quando scambiano informazioni attraverso la Rete. Email sospette, virus traditori, venditori fantasma, siti “tarocchi” di istituti di credito, possono trarre in inganno anche il più esperto dei cybernauti.

È partita in questi giorni una campagna informativa sul web, con l'obiettivo di raggiungere i navigatori attraverso i social network e i motori di ricerca più popolari. Tra questi, non poteva mancare Facebook, dove è stata aperta la fan pageGiovani consumatori nel web” all'interno della quale sarà possibile trovare informazioni sul tema della sicurezza in Rete. Sulla base dei contenuti che settimanalmente saranno inseriti all'interno della fan page, gli utenti potranno conpidere articoli, link, consigli e approfondimenti per imparare a navigare e acquistare on line evitando frodi e proteggendo il computer da virus, spamming e phishing.

La campagna web, inoltre, permetterà agli utenti della Rete di essere informati attraverso annunci testuali collocati nelle pagine di ricerca di Google e banner che saranno inseriti all'interno dei siti web più frequentati dai ragazzi.

Sempre grazie al progetto “Giovani consumatori nel web” è stata realizzata la guida “Naviga senza rischi”, disponibile online su www.unioncamere.gov.it e www.sviluppoeconomico.gov.it.

Il progetto prevede anche un'attività formativa ad hoc per i docenti appartenenti ad istituti di istruzione secondaria selezionati attraverso un bando, con l'obiettivo di metterli in condizione di informare le proprie classi sul tema.

Per ulteriori informazioni scrivere a: