english version ENGLISH | version française FRANÇAIS
Logo della Camera di commercio di Bergamo

Giornata della Trasparenza 2013

Mon Jul 15 14:36:00 CEST 2013 | Rif.: news-COS_0218

Illustrati alle associazione dei consumatori i contenuti del sito internet della Camera di Commercio, tra le prime amministrazioni in provincia ad adeguarsi alla normativa sulla "trasparenza"

 

Homepage sottosezione Amministrazione trasparente Nella giornata di venerdì 12 luglio la Camera di Commercio ha organizzato la seconda edizione della "Giornata della Trasparenza", a cui sono state invitate le associazioni dei consumatori e degli utenti che operano in provincia di Bergamo.

L'organizzazione di tale momento di confronto delle Pubbliche Amministrazioni con i rappresentanti degli utenti è previsto dall' art.11, comma 6, del d.lg.n.150 del 2009 "Ogni amministrazione ha l'obbligo di presentare il Piano e la Relazione sulla performance alle associazioni di consumatori o utenti, ai centri di ricerca e a ogni altro osservatore qualificato, nell'ambito di apposite giornate della trasparenza senza nuovi o maggiori oneri di finanza pubblica".

Il recente decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 ha poi riordinato tutta la disciplina che riguarda gli obblighi di pubblicità trasparenza e diffusione di informazioni a cui sono tenute tutte le Pubbliche Amministrazioni.

Nel corso dell'incontro il Segretario Generale dell'ente, Emanuele Prati, ha illustrato i contenuti della apposita sezione del sito www.bg.camcom.gov.it "Amministrazione trasparente" e del programma triennale della trasparenza 2013-2015 approvato dalla Giunta camerale lo scorso 27 giugno.

Progetti e risultati, ma anche attività e procedure operative adottate dai vari uffici dell'ente oltre che i dati sulla verifica di gradimento da parte dell'utenza per i servizi resi.

Il Segretario Generale ha illustrato, in particolar modo, i contenuti del sito internet dell'ente relativamente a: organizzazione della struttura, andamenti gestionali, utilizzo delle risorse per il perseguimento dei risultati, compensi per gli organi di vertice e dirigenza, dotazione organica dell'ente, tassi di assenza del personale, criteri di premialità ai dipendenti per il raggiungimento dei risultati (così come definiti dal "piano delle performance"), consulenze esterne, sovvenzioni e contributi a imprese e associazioni, gli standard di qualità dei servizi resi e i tempi medi di erogazione degli stessi, gli indicatori di tempestività dei pagamenti dell'ente, le indagini presso l'utenza per misurare il livello di soddisfazione degli utenti.

Obiettivo non secondario della trasparenza, infatti, è consentire il controllo sociale sull'operato dell'ente e favorire il miglioramento continuo dei servizi pubblici, legato al ciclo delle performance, grazie alla partecipazione e ai contributi della collettività delle imprese e delle associazioni dei consumatori.

Al termine dell'esposizione i rappresentanti delle organizzazioni dei consumatori presenti all'incontro, Umberto Dolci e Giacinto Brighenti (Federconsumatori), Eddy Locati (Adiconsum), Renzo Testa (Unione Bergamasca Consumatori) e Maurizio Regazzoni (Adoc), hanno espresso il loro pieno apprezzamento per la completezza delle informazioni pubblicate e per l'impegno profuso dall'ente camerale in un'ottica di miglioramento continuo e di rapporto corretto e trasparente con l'utenza.

Gli stessi rappresentanti hanno inoltre voluto stigmatizzare la scarsa attenzione che molte Amministrazioni Pubbliche della nostra provincia hanno sinora riservato a questi obblighi di legge e come la "trasparenza" sia ancora parola sconosciuta ai più.

L'auspicio da loro espresso è che, anche per le sanzioni previste dalle norme in materia per le Amministrazioni che non ottemperano agli obblighi previsti, presto si possa registrare anche tra le altre amministrazioni bergamasche una inversione di tendenza e che l'esempio e la "buona prassi" praticata dalla Camera di Commercio rappresenti uno stimolo per gli altri amministratori della provincia.