english version ENGLISH | version française FRANÇAIS
Logo della Camera di commercio di Bergamo

Codice Eori: ulteriori chiarimenti operativi

Wed Nov 03 10:53:00 CET 2010 | Rif.: comunicato_0016

L'Agenzia delle Dogane, con nota n. 90673 dell'8 ottobre scorso ha emanato ulteriori istruzioni operative per l'utilizzo del codice EORI nelle dichiarazioni doganali. Si ricorda che il codice EORI (Economic Operator Registration and Identification), obbligatorio dal 1° luglio 2009, identifica univocamente ciascun operatore economico che effettua operazioni doganali nel territorio comunitario.

Per semplicità, l'Italia ha stabilito che il codice EORI sia costituito semplicemente dalla partita iva o codice fiscale dei soggetti che intervengono nelle dichiarazioni doganali preceduto dal codice IT, ma va sottolineato che negli altri Stati membri tale codice potrebbe non coincidere con la partita iva, in quanto ogni Stato ha potuto disciplinarne liberamente l'attribuzione.

La circolare in questione fornisce le istruzioni tecnico-operative per l'inserimento di ulteriori codici IVA utilizzati nelle dichiarazioni doganali, oltre a quello italiano che costituisce, appunto, il codice EORI (inserito, ricordiamo, nella casella 2 del D.A.U. per le esportazioni e nella casella 8 del D.A.U. per le importazioni).

Le disposizioni e la modulistica sono reperibili all'indirizzo www.agenziadogane.it Link a sito esterno. Per maggiori informazioni www.newsmercati.com Link a sito esterno.