english version ENGLISH | version française FRANÇAIS
Logo della Camera di commercio di Bergamo

Bergamo all’Expo tra Otto e Novecento

Mon Jun 15 08:31:00 CEST 2015 | Rif.: news-COS_0442

Focalizzando lo sguardo sul panorama delle vicende commerciali che nei secoli hanno reso vitale il territorio lombardo, in questo momento segnato dai grandi lavori per l’Esposizione Universale nel capoluogo, la Camera di Commercio di Bergamo, in collaborazione con l’Ateneo di Scienze Lettere e Arti e l’Archivio di Stato, promuove una ricognizione degli apporti della nostra città alla storia delle manifestazioni universali che si sono susseguite tra Otto e Novecento.

La rassegna prova a sondare le partecipazioni di Bergamo e delle ditte insediate nella provincia alle diverse esposizioni mondiali che si sono alternate tra il XIX e la prima metà del XX secolo, gettando luce sulle aperture dei produttori locali, dei loro rappresentanti e delle istituzioni cittadine a contatti, scambi e mercati internazionali, in grado di cogliere da protagonisti le chances offerte dai più importanti appuntamenti commerciali lungo i secoli.

Nell’impossibilità di documentare ognuna delle mostre allestite a partire dalla grande manifestazione di Londra del 1851, ufficialmente la prima di carattere universale, si è compiuta una selezione sulla base dei materiali rinvenuti nel fondo della Camera di Commercio di Bergamo in deposito presso l’Archivio di Stato, che offre un bacino di testimonianze inedite della memoria commerciale della città.

Il percorso individuato si apre tentando di adombrare con diversi documenti alcune esposizioni indette dal governo austriaco nella capitale dell’impero asburgico nella prima metà dell’Ottocento, anni di intense sperimentazioni commerciali con eventi espositivi e fiere a livello europeo, in un momento storico che prelude all’esordio delle mostre universali propriamente dette. Si tratta in particolare dell’Esposizione “Nazionale” di Vienna del 1829, dell’Esposizione generale delle produzioni d’industria del 1835 e, più tardi, di quella dedicata alle nuove invenzioni nell’ambito della rassegna “Venezia in Vienna” del 1897, manifestazioni a cui non manca, a vario titolo, la partecipazione bergamasca.

La Camera di Commercio è chiamata, nelle mostre viennesi come nelle successive rassegne mondiali, a porsi come tramite tra l’organizzazione e le imprese della provincia, svolgendo un fondamentale ruolo di coordinamento, generalmente costituita in comitato territoriale, per cui riceve nel tempo attestati di lode e benemerenze.
L’illustrazione del contributo delle ditte bergamasche non può che prendere avvio, a questo punto, dalla prima Esposizione Universale londinese del 1851, per proseguire con quella allestita a Parigi quattro anni più tardi o la World’s Columbian Exposition di Chicago del 1893; per l’evento mondiale predisposto a Parigi nel 1900 sono documentati la disposizione e il finanziamento, da parte della Camera di Commercio insieme alla cittadina Società Generale di Mutuo Soccorso, di una visita d’istruzione per una delegazione di operai bergamaschi nella capitale francese.

L’indagine prova anche a ricordare, con documenti storici, importanti eventi nazionali, significativi tasselli della storia commerciale del paese, come l’Esposizione di Prodotti Agricoli, Industriali e di Belle Arti di Firenze del 1861, a ridosso dell’Unità, o le Esposizioni Generali Italiane di Torino del 1898 e del 1911.
Particolarmente cospicue le tracce della presenza bergamasca alla celebre Esposizione di Milano del 1906, la prima di carattere dichiaratamente internazionale sul suolo italiano, allestita in occasione dell’apertura del valico del Sempione.

Il sentiero della mostra, inoltrandosi nel Novecento, concede qualche spazio alle manifestazioni coloniali organizzate dal regime fascista, come le varie edizioni, a partire dal 1927, della Fiera di Tripoli, che consentono di osservare rare immagini fotografiche del padiglione bergamasco; tanto vale anche nel caso della Mostra del Grano di Roma del 1932.

Chiude il percorso, entro lo scoppio della seconda guerra mondiale, materiale documentario riguardante l’Esposizione Universale di New York del 1939; qui, come in altri casi, si leggeranno stralci delle testimonianze manoscritte rintracciate più rilevanti, a memoria della continuità dell’impegno bergamasco sul panorama del mercato internazionale.

Per maggiori informazioni:
web expo.bergamo.it
email urp@bg.camcom.it