english version ENGLISH | version française FRANÇAIS
Logo della Camera di commercio di Bergamo

Accesso civico

Il decreto legislativo 25 maggio 2016, n. 97, che ha apportato delle modifiche al d.lgs. n. 33/2013, ha introdotto un accesso civico più esteso rispetto a quello previsto precedentemente, individuando due tipi di accesso civico:

  • accesso civico semplice (art. 5, comma 1 del d.lgs. n. 33/2013): interessa dati, documenti e informazioni soggetti a pubblicazione obbligatoria;
  • accesso civico generalizzato (art. 5, c. 2, del d.lgs. n. 33/2013): consiste nel diritto di chiunque di richiedere documenti, informazioni o dati detenuti dalle pubbliche amministrazioni.

Accesso civico semplice o generalizzato

Accesso civico semplice

L'accesso civico consente a chiunque - senza indicare motivazioni né sostenere costi - di richiedere a una pubblica amministrazione i documenti, le informazioni e i dati per i quali la legge prevede la pubblicazione.

Qualsiasi cittadino, esercitando tale diritto, ottiene la pubblicazione sul sito istituzionale dell'Ente di informazioni che l'amministrazione aveva l'obbligo di pubblicare e che sono state omesse o pubblicate parzialmente.

Infatti l’Ente entro trenta giorni dalla richiesta, procede alla pubblicazione nel sito del documento, dell'informazione o del dato richiesto e lo trasmette contestualmente al richiedente, ovvero comunica al medesimo l'avvenuta pubblicazione, indicando il collegamento ipertestuale a quanto richiesto.

Nei casi di ritardo o mancata risposta il richiedente può ricorrere al titolare del potere sostitutivo (art. 2, comma 9-bis della legge 7 agosto 1990, n. 241), il quale, verificata la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione nei termini di cui al comma 9-ter del medesimo articolo, provvede ai sensi del comma 3.

Il responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza è Antonella D’Ottavio e il titolare del potere sostitutivo in caso di inerzia del responsabile è Andrea Vendramin, segretario generale facente funzioni della Camera di commercio di Bergamo.

L'intervento sostitutivo previsto dall'art. 2 comma 9-ter della legge n. 241/1990 può essere richiesto scrivendo all'indirizzo PEC cciaa.bergamo@bg.legalmail.camcom.it.

Accesso civico generalizzato

L'accesso civico generalizzato è il diritto di chiunque di richiedere i documenti, le informazioni o i dati detenuti dalle pubbliche amministrazioni, con le sole limitazioni previste dall'art. 5-bis del d.lgs. 33/2013.

È una nuova tipologia di accesso a documenti amministrativi, dati e informazioni detenuti dalle pubbliche amministrazioni che si verifica anche in assenza dell'interesse diretto concreto e attuale, necessario per il tradizionale accesso agli atti ex art. 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241.

La richiesta non deve essere motivata ed è gratuita, ma in ogni caso va identificato chiaramente l'oggetto della richiesta e accertata l'identità del richiedente.

Il procedimento si conclude con provvedimento espresso e motivato nel termine di trenta giorni dalla presentazione dell'istanza, con la comunicazione al richiedente e agli eventuali controinteressati. In caso di accoglimento, la Camera di commercio trasmette tempestivamente al richiedente i dati o i documenti richiesti.

Nei casi di diniego totale o parziale dell'accesso o di mancata risposta entro il termine previsto, il richiedente può presentare richiesta di riesame al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, che decide con provvedimento motivato, entro il termine di venti giorni.

Come esercitare l’accesso civico

La richiesta di accesso civico va presentata in carta libera, allegando fotocopia del documento di identità, a:

Ufficio relazioni con il pubblico
largo Belotti, 16 - 24121 Bergamo
tel. 035 4225 269/291
email urp@bg.camcom.it
PEC cciaa.bergamo@bg.legalmail.camcom.it

Richiesta di accesso civico a dati e documenti (pdf comp.)

Normativa

Ultimo aggiornamento: Tue Feb 28 12:56:00 CET 2017